Test di medicina 2015, l’analisi della prova

Ammissioni a Medicina 2014: curiosità statistiche (II parte)*

In questo articolo cercheremo di stimare il punteggio di accesso per quest’anno attraverso l’analisi e il confronto di questa prova con il test 2014.

Commentiamo le materie del test

Logica: i quiz di questa materia sono risultati per complessità e bilanciamento simili alla prova 2014, forse sono stati un minimo più semplici sia i brani sia il problem solving. Nello specifico:

  • Brani: 8 quesiti di tipo Cambridge, più un ragionamento deduttivo classico
  • Problem Solving: 7 domande, non molto complesse di per se ma alcuni quesiti dovevano essere risolti utilizzando la tecnica del “trial and error”, cioè provando ad “incastrare” i valori a “tentativo”.
  • Grammatica: 4 domande di media difficoltà

Cultura generale: due domande non di tipo scolastico.

Biologia: nell’insieme le domande erano complesse come il test del 2014. Le domande richiedevano ragionamento e conoscenze molto specifiche. Sei domande erano della tipologia “a tre vie”.

Chimica: test veramente molto impegnativo e incentrato più sia sull’inorganica che sull’organica. Le domande richiedevano conoscenze specifiche, ragionamenti e calcoli articolati. Rispetto al 2014 (e ancor di più al 2013) la difficoltà delle domande è aumentata.

Matematica e Fisica: tipologia similare a quella degli anni precedenti dove sono richieste competenze scolastiche ad ampio spettro con un tipo di domande che “tende” un po’ alla logica. Complessità più o meno similare a quella del 2014 con diverse domande fattibili per chi ha una discreta conoscenza delle materie

Approfondiamo l’analisi dei quesiti di problem solving

Tali domande sono risultate per complessità e strategia risolutiva simili a quelle proposte nei test del 2014, forse un minimo più semplici. Anche quest’anno le domande non richiedevano l’applicazione di formule complesse, ma di ragionare sulle informazioni schematizzando il testo ed applicando tecniche risolutive come il “trial and error” o il “Metodo della verifica”. Chi ha letto almeno uno dei miei libri sa di cosa parlo. Vediamo un esempio di risoluzione di un quesito utilizzando metodi più “empirici” che analitici come in genere suggerisco nei quesiti articolati.

La tipografia “Marconi” ha deciso di stampare il nuovo elenco telefonico in caratteri più piccoli per risparmiare carta. Di conseguenza, ora si possono stampare 4 colonne per pagina invece di 3. Ogni colonna contiene, inoltre, il 25% in più di nominativi rispetto al vecchio elenco che aveva 750 pagine.

Quante pagine ha il nuovo elenco telefonico?

A) 450 pagine

B) 300 pagine

C) 250 pagine

D) 500 pagine

E) 600 pagine

Risposta A). Questo quesito si può risolvere in vari modi. Una modalità, forse la più semplice, anche se un po’ più lunga è quella di considerare quanto è più capiente la nuova pagina rispetto alla precedente al fine di creare una proporzione inversa per trovare il risultato. Per ricavare la relazione tra i due fogli ipotizziamo che le tre colonne siano costituite da 10 numeri ognuna. In tal modo si avrà che il vecchio elenco ha 30 numeri per pagina, mentre il nuovo ne ha 40 a cui si deve aggiungere il 25%… ma di cosa? Questo è il nodo del problema: si aggiunge il 25% di 10, cioè della quantità di numeri di ogni colonna del foglio vecchio, ovvero si aggiungono 2,5 numeri a colonna che moltiplicato 4 è pari a 10. Quindi ai 40 numeri se ne sommano 10 e si ricava che la relazione tra i due fogli è pari a 50 numeri per i fogli a 4 colonne e 30 numeri per quelli a 3 colonne. Ovvero la relazione è 50/30, cioè 5/3. A questo punto si fa la proporzione inversa:

5:3=750:x da cui x=450

Riassumendo quindi possiamo dire che che la complessità del test è stata circa uguale a quella del 2014.
Il Punteggio minimo di accesso nazionale molto probabilmente sarà intorno ai 32 punti!

Ma è solo una stima e va considerata come tale…

Il tempo a disposizione per molti studenti non è stato sufficiente per leggere e rispondere a tutti i quesiti. In articoli successivi discuteremo di come si deve studiare per affrontare con successo il test di Medicina che ogni anno risulta sempre più complesso e articolato.

 

 Scritto da Prof. Marco Bonora
www.marcobonora.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.