Guida per studenti fuori sede: come sopravvivere in un’altra città

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Settembre è ormai arrivato, a breve dovrai trasferiti in una nuova città e rientrare anche tu nella categoria degli studenti fuori sede, ma non sai dove iniziare? Non farti prendere dal panico, molti prima di te ci sono passati e hanno dichiarato di aver vissuto un’esperienza unica, formativa ed entusiasmante. Non bisogna dimenticare come la vita di uno studente che da solo deve lavorare, studiare e gestire una casa possa profondamente far crescere e avviare verso la vita adulta.

In questa guida, ti indirizzerò verso i primi passi da fare per adattarti al meglio in una nuova città, partendo da esigenze primarie:

  • Scegliere una casa adatta alle tue esigenze
  • Trovare un lavoro che si concili al tuo studio
  • Studiare nei tempi giusti
  • Gestire casa e tempo libero

Scegliere una casa adatta alle tue esigenze

Per imparare a vivere da soli è importante saper gestire il budget disponibile prima di fare qualsiasi scelta, soprattutto per quelle che saranno per un lungo periodo, come la scelta di una casa. Per farlo, bisogna avere consapevolezza dei costi e delle opportunità.

Partiamo subito da una panoramica complessiva dei costi annui che uno studente mediamente può sostenere, in base alla regione italiana dove decide di trasferirsi.

  • Regioni del Centro: 4700 euro per una singola; 3160 euro per una doppia;
  • Regioni del Nord: 4.260 euro (singola) e 2.700 euro (doppia);
  • Regioni del Sud: 2.840 euro (singola) e 2.047 euro (doppia).

Il costo più oneroso è proprio la casa, tra questi dati sono le regioni del Centro ad avere quelli più alti, Roma si classifica come la città più cara, seguita da quella del Nord, che è Milano.

Se non vuoi incorrere in costi aggiuntivi, ti sconsiglio di affittare un intero appartamento e di scegliere delle stanze singole, in zone della città più periferiche che magari sono ben collegate con il centro. Per risparmiare sul posto letto, dovresti condividere la stanza; in queste circostanze a Roma, si possono spendere 300 euro a persona in periferia.

Se vuoi avere un’idea dei quartieri a misura di studente presenti nelle principali città, leggi il nostro approfondimento.

Per cercare una nuova casa è utile fare un’opportuna ricerca tra gli annunci sul web, ci sono una miriade di opportunità on line. Puoi selezionare le scelte che più fanno al tuo caso, tra questi puoi consultare eBay, Subito, Kijiji e tanti altri siti di agenzie immobiliari.

Quando scegli una stanza di un appartamento valuta bene l’ampiezza e il numero di persone ospitate: è meglio condividere la casa con massimo tre coinquilini. La condivisione degli spazi è importante, soprattutto quando si può ottenere un po’ di privacy.

In merito alle esperienze dei vari studenti che prima di te hanno fatto quest’esperienza, quasi tutti hanno sottolineato l’importanza di condividere con poche persone il resto della casa. In fondo, se ci pensi bene, si tratta di adattarsi a convivere con delle persone che sono inizialmente dei perfetti sconosciuti. È importante sin dai primi momenti stabilire delle regole di convivenza legate ai giorni di pulizia, di spesa comune etc. etc. prima di trovarsi in spiacevoli liti.

Conciliare studio e lavoro

Eccoci al secondo step, per poter vivere da soli è fondamentale trovare un lavoro, poiché diventa difficile sostenere tutte le spese con i risparmi. Ancora più importante è lavorare lasciando del tempo utile per studiare.

L’attività ideale sarebbe un lavoro part-time adatto alle tue competenze. Anche in questo caso è necessario sfruttare gli annunci web, i siti sono davvero innumerevoli a partire da Monster, Obiettivo Lavoro, Indeed, Bakeca, Studenti e tanti altri. Nella ricerca puoi selezionare la zona, l’area di interesse, il tipo di mansione e il tipo di contratto, se indeterminato, temporaneo, progetto e stage.

Un altro metodo efficace è di iniziare a farti conoscere nella città dove andrai e scoprire quali sono i periodi dove è maggiormente ricercato il lavoro adatto agli studenti, se per il periodo estivo o feriale. Quando sarai sul posto potrai inviare a mano cv nei vari negozi o enti che ti interessano, mettere annunci nei vari punti di interesse. Creare rete, nuove conoscenze.

Grazie a questo sistema puoi sfruttare il passaparola. Basta che qualche amico inizi a diffondere la voce che sei in cerca di un lavoro, e nel frattempo mettere qualche annuncio su bacheche universitarie che inizia a girare il tuo nome. Dopo poco tempo sicuramente troverai una risposta.

Non dimenticare di poterti iscrivere anche ad un’agenzia interinale presente nella tua città, in questo modo lasciando i tuoi recapiti ed il tuo cv, sarai contattato direttamente nel caso in cui il tuo profilo possa risultare interessante per qualche azienda.

Potrebbe interessarti la lettura dell’articolo Come trovare un lavoro stagionale

Studiare nei tempi giusti

Eccoci arrivati al dilemma principale, se lavoro e gestisco da solo una casa, come faccio a seguire i corsi e soprattutto a studiare? Questa è la domanda che tutti si pongono. La soluzione esiste e parte da una certezza, per studiare al meglio occorre un metodo adatto a te.

Per apprendere un metodo di studio efficace è importante saper riconoscere che esistano delle regole da rispettare. Bisogna creare dei programmi di studio suddivisi in base al tempo disponibile, per cui ogni giorno ci saranno diverse cose da studiare, il tempo deve essere ripartito in:

  • Lettura dell’argomento, suddiviso in vari capitoli suddiviso nei giorni che hai stabilito.
  • Analisi e sintesi degli argomenti importanti, con le opportune strategie di memorizzazione (sottolineare le cose importanti, fare riassunti, creare mappe concettuali).
  • L’assimilazione dell’argomento mediante la ripetizione

L’importante è darsi delle scadenze, preparare un piano di studio da rispettare per ogni sessione d’esame.
Potrebbe interessarti la lettura dell’articolo sulla gestione dell’ansia da esame

Se invece, vuoi avere un’idea di come studiare con un approccio più metodico, potrebbe esserti utile la lettura dell’articolo Studiare con le mappe mentali.

Gestire casa e tempo libero

Dopo aver affrontato lo studio, resta da capire come gestire la casa e quel po’ di tempo libero che ti resta. Non è semplice, considerando che fino a poco tempo fa non ti occupavi tu di spesa, cucina e pulizie… ma anche per te è arrivato il momento.

Ecco una dritta per gestire le attività domestiche con leggerezza senza stressarti:

  • Scrivi una lista della spesa settimanale, facendo attenzione a dividere le tue cose dal resto della spesa altrui. Decidi con i tuoi coinquilini se fare o meno una spesa in comune per alimenti di prima necessità. Lo stesso discorso per altre cose che occorrono nella casa;
  • Organizzati per gli orari di pranzo e cena. Se ognuno di voi ha dei tempi diversi, fa in modo da non occupare per troppo tempo la cucina, pulisci sempre dopo averla usata. Gli spazi in comune sono “luoghi sacri”, se fin dal principio stabilirete delle regole, sarà molto più semplice condividerli con degli sconosciuti che potrebbero diventare i tuoi migliori amici;
  • Stabilite un giorno a settimana per le pulizie comuni e i turni da rispettare;
  • Mettete da parte, sin da subito, il budget riservato alle spese di bollette di luce, gas, adsl, acqua etc. etc. per non rischiare di arrivare a fine mese dove i conti non tornano. Queste priorità non devono mai essere sottovalutate quando vivi da solo. Anzi, ti consiglio di avere sempre qualche risparmio da parte ed evitare sprechi;
  • Per quanto riguarda gli inviti da estendere ad altre persone, chiedi prima agli altri, se gradiscono un tuo ospite, è importante rispettare anche la loro privacy;
  • Da dosare con parsimonia i tempi per ascoltare la musica ad alto volume o parlare con toni alti. Se è vero che bisogna ogni tanto lasciarsi andare, l’importante è farlo nel rispetto di tutti.
  • Sii gentile con i tuoi conviventi, magari nel tempo libero potrete approfittare per fare qualcosa insieme. Condividere degli spazi in comune è già la condizione ideale per rompere il ghiaccio e fare nuove amicizie. Anche l’idea di fare un dolce insieme o guardare lo stesso film può essere un motivo di discorsi interessanti e creare legami che poi si riveleranno importanti per il futuro. Non dimenticare che con loro trascorrerai la maggior parte del tuo tempo.
  • Ricordati della tolleranza e della pazienza verso chi si mostra più ostile al rispetto delle regole. In ogni casa, c’è sempre qualcuno che preferisce oziare o a rimandare i lavori di casa. Se è il caso, parlane prima con gli altri, e poi con il diretto interessato. Cerca di farti rispettare con il dialogo e non con la forza che produrrebbe l’effetto opposto.

Infine, concediti il lusso del relax, ovvero di startene almeno due ore da solo nella tua camera per rilassarti e fare il piano dei tuoi studi, in fondo, te lo meriti davvero.

Ecco qui, dopo averti delucidato ogni aspetto della vita di uno studente fuori sede, non resta che metterti all’opera partendo dalla ricerca della casa e del lavoro. In bocca al lupo![/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.