La laurea in Scienze della comunicazione tra pregiudizi e sbocchi lavorativi

scienze della comunicazione sbocchi

Nei giorni scorsi abbiamo parlato dei corsi di laurea in Scienze della Comunicazione, analizzando prima gli aspetti legate alle attitudini da possedere per intraprendere questa strada e poi le caratteristiche principali del percorso di studi.

In questo articolo, invece, concentreremo la nostra attenzione sul futuro dopo la laurea in Scienze della Comunicazione: qual è lo scenario attuale del mercato del lavoro? Che ruolo hanno i laureati in Scienze della Comunicazione nel contesto socio-culturale attuale?

Scienze della comunicazione: sbocchi e mercato del lavoro

Nella nostra Guida al corso di laurea abbiamo già visto, per sommi capi, quali sono gli sbocchi lavorativi per i laureati in Scienze della Comunicazione.

Negli ultimi anni, con lo sviluppo del web e delle nuove tecnologie, in particolar modo nel periodo caratterizzato dalla pandemia da Covid-19, è aumentata la richiesta da parte delle aziende moderne di laureati in Scienze della Comunicazione.

Parallelamente le Università hanno aggiornato (e continuano a farlo) costantemente l’offerta formativa, rendendo i percorsi di studi sempre più vicini all eesigenze delle aziende e delle pubbliche amministrazioni che cercano professionisti della comunicazione.

Sono nati nuovi profili professionali, mentre alcuni già esistenti hanno visto crescere la loro importanza nel mercato del lavoro: parliamo, tra gli altri, di digital pr, web content editori, seo specialist, community manager, social media manager ecc…

Ecco perché Scienze della Comunicazione, che negli anni è stata “vittima” anche di pregiudizi e considerata una laurea poco formativa (ricordiamo le polemiche legate alla definizione “Scienze delle merdendine”), sta assumendo un’importanza sempre maggiore all’interno del mercato del lavoro.

L’accesso a Scienze della Comunicazione

Il corso di laurea in Scienze della Comunicazione può essere ad accesso libero o ad accesso programmato locale.

Non c’è un test di ammissione nazionale, quindi le Università decidono autonomamente se limitare il numero di immatricolazioni.

C’è da dire che negli ultimi anni il numero di Atenei che scelgono di vincolare le iscrizioni a un test d’ingresso è in aumento.

Test Scienze della Comunicazione: come prepararsi

Se hai deciso di iscriverti a Scienze della Comunicazione e l’Università che hai scelto prevede un test di ammissione, preparati con i libri del catalogo EdiTEST:

In omaggio con i libri riceverai una serie di materiali e servizi di approfondimento, tra cui il software di simulazione per esercitarti online e le video-lezioni.

sfoglia il catalogo

Simulazione test Scienze della Comunicazione

Vuoi metterti alla prova con le domande generalmente somministrate nei test di ammissione ai corsi di laurea in Scienze della Comunicazione?

Accedi alla versione demo gratuita del software di simulazione (contiene un numero limitato di quesiti).

 

 

esercitati gratis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.