Professioni Sanitarie della Riabilitazione: attività formative e sbocchi lavorativi

professioni sanitarie riabilitazione

Nell’articolo precedente abbiamo parlato dei corsi di laurea delle Professioni Sanitarie Infermieristiche ed Ostetriche.

Oggi, invece, concentreremo la nostra attenzione sulla classe L/SNT/2, Professioni Sanitarie della riabilitazione, di cui fanno parte i seguenti corsi di laurea:

  • Educazione Professionale
  • Tecnica della riabilitazione psichiatrica
  • Terapia occupazionale
  • Terapia della neuro-psicomotricità dell’età evolutiva
  • Podologia
  • Ortottica e assistenza oftalmologica
  • Logopedia
  • Fisioterapia

Vediamo da quali materie sono caratterizzati questi corsi di laurea e quali sono gli sbocchi lavorativi.

Professioni Sanitarie Riabilitazione: cosa si studia

I corsi di laurea delle Professioni Sanitarie della Riabilitazione mirano a fornire agli studenti (futuri professionisti) le conoscenze giuste per comprendere quali elementi ci sono alla base dei processi patologici sui quali si focalizza l’intervento riabilitativo e/o terapeutico.

Le attività formative di base, comuni a tutti i percorsi, sono le seguenti:

  • Scienze propedeutiche (Fisica applicata, Logica e Filosofia della Scienza, Statistica per la ricerca sperimentale e tecnologica, Informatica, Sociologia generale ecc…)
  • Scienze biomediche (Fisiologia, Biochimica, Biologia, Anatomia, Psicologia clinica ecc…)
  • Pronto soccorso (Farmacologia, Medicina Interna, Chirurgia generale, Anestesiologia ecc..)

A questi ambiti disciplinari si affiancano, oltre a quelli specifiche per ogni profilo professionale, le seguenti attività caratterizzanti:

  • Scienze umane e psico-pedagogiche
  • Scienze medico-chirurgiche
  • Management sanitario
  • Scienze della prevenzione e dei servizi sanitari
  • Scienze interdisciplinari e cliniche
  • Tirocino (differenziato per specifico profilo)

Sbocchi lavorativi

I laureati nelle Professioni Sanitarie della Riabilitazione possono svolgere attività in struttura sanitarie pubbliche o private (ospedali, ASL, cliniche di riabilitazione) oppure operare come liberi professionisti.

Vediamo più nel dettaglio cosa prevedono gli sbocchi occupazionali per ogni profilo:

  • educatore professionale sanitario: attuazione di progetti educativi e riabilitativi volti a uno sviluppo equilibrato della personalità, con l’obiettivo di inserimento psico-sociale nella comunità dei soggetti in difficoltà
  • fisioterapista: interventi di prevenzione, cura e riabilitazione nelle aree della motricità delle funzioni corticali superiori e di quelle viscerali
  • logopedista: trattamento riabilitativo delle patologie del linguaggio e della comunicazione
  • ortottista e assistente oftalmologico: trattamento dei disturbi motori e sensoriali della visione
  • podologo: trattamento, con metodi incruenti, ortesici e massoterapici, di patologie legate al piede
  • terapista della neuro e psicomotricità: interventi di prevenzione, terapia e riabilitazione di malattie neuropsichiatriche infantili
  • tecnico di riabilitazione psichiatrica: interventi riabilitativi/educativi su soggetti con disabilità psichica
  • terapista occupazionale: interventi di prevenzione e cura di soffetti affetti da malattie fisiche e psichiche (temporanee o permanenti)

I laureati nelle Professioni Sanitarie possono proseguire gli studi per conseguire la laurea magistrale ed accedere a ruoli dirigenziali.

Condizione occupazionale dei laureati

Dall’ultima rilevazione AlmaLaurea sulla condizione occupazionale dei laureati in Professioni Sanitarie della Riabilitazione viene fuori che, ad un anno dalla laurea:

  • il 71,5% dei laureati lavora e non è iscritto a un corso di laurea di secondo livello
  • il 6,9% lavora e allo stesso tempo frequenta un corso di laurea di secondo livello

Il 78,4% dei laureati, quindi, riesce a inserirsi nel mondo del lavoro ad un anno dalla laurea.

Di questi, è interessante segnalare che:

  • il 44,7% svolge un lavoro autonomo
  • l’11,6% ha un contratto a tempo indeterminato
  • il 30,4% ha un contratto non standard

La retribuzione mensile media è di 1.170 euro.

Il 95% degli intervistati reputa la laurea molto efficace in relazione al lavoro svolto.

Guida alla scelta del corso di laurea

Hai bisogno di maggiori informazioni per scegliere il corso di laurea da frequentare dopo il diploma?

Scopri la Guida alla scelta del corso di laurea, un volume che presenta in modo chiaro e sintetico l’offerta formativa delle Università italiane e ti aiuta a scegliere il percorso più adatto alle tue attitudini e aspirazioni.

acquista

Per accedere ai corsi di laurea delle Professioni Sanitarie è necessario superare un test di ammissione: scopri quando si svolge e come prepararti.