laurea in scienze sociali per la cooperazione

Il corso di laurea

Il corso di laurea in Scienze sociali per la cooperazione, lo sviluppo e la pace (Classe L-37) mira a formare laureati che posseggano un’adeguata conoscenza di base nell’area delle discipline demo–etno–antropologiche, dello sviluppo e del mutamento sociale e politico e che abbiano familiarità con i fenomeni della mondializzazione dell’economia, con le dinamiche interculturali e di genere e con le componenti antropologiche, sociali, culturali e istituzionali dello sviluppo, anche a livello locale.

Essi inoltre devono essere in grado di utilizzare efficacemente oltre all’italiano, minimo due lingue straniere di cui almeno una dell’UE. Completano la preparazione la capacità di lavorare in gruppo, di operare con definiti gradi di autonomia e di inserirsi prontamente negli ambienti di lavoro.

A questo scopo, oltre alle attività formative di base, il corso di laurea prevede attività caratterizzanti comprendenti cooperazione e sviluppo, geografia e organizzazione del territorio, sociologia e sistemi sociali e politici e discipline antropologiche.

Accesso

I corsi di laurea in Scienze sociali per la cooperazione, lo sviluppo e la pace non rientrano nella normativa nazionale sull’accesso programmato, ma ciascuna Università può limitare le immatricolazioni istituendo il numero programmato e definendo una prova di ammissione selettiva.

In virtù del D.M. 509/1999, per il quale i regolamenti didattici “richiedono il possesso o l’acquisizione di un’adeguata preparazione iniziale”, i singoli Atenei possono istituire una prova di orientamento che non è vincolante per l’iscrizione al corso ma ha il solo scopo di valutare la preparazione iniziale degli studenti. È fondamentale, dunque, prendere attenta visione del bando pubblicato dall’Ateneo presso cui ci si vuole iscrivere.

Sbocchi occupazionali

Sbocchi occupazionali e attività professionali previsti dai corsi di laurea sono nella pubblica amministrazione, nelle organizzazioni non governative e del terzo settore, nelle istituzioni educative, nel sistema della cooperazione sociale e culturale e in particolare nelle organizzazioni internazionali.

Il mercato del lavoro

Dalla XXI rilevazione AlmaLaurea risulta che ad un anno dalla laurea:

  • il 21,5% lavora e non è iscritto ad una laurea di secondo livello;
  • il 14,3% lavora ed è iscritto ad una laurea di secondo livello;
  • il 49,3% non lavora ed è iscritto ad un corso di laurea di secondo livello;
  • il 6,6% non lavora, non è iscritto ad una laurea di secondo livello e non cerca;
  • l’8,2% non lavora, non è iscritto ad un corso di laurea di secondo livello ma cerca.