Test di ammissione 2019: come affrontare i quesiti di comprensione del testo

I quesiti di comprensione del testo nei test d’ingresso intendono verificare la competenza testuale e la competenza grammaticale dei candidati.

La difficoltà principale che si incontra in tali quesiti è relativa al carattere interpretativo (e non solo logico deduttivo) che contraddistingue le domande.

In altre parole, è presente talvolta un minimo di opinabilità che rende non sempre semplice la risoluzione.

Ciò che è importante comprendere è che la richiesta contenuta nella domanda varia il modo di leggere il brano.

Può essere utile leggere prima bene la domanda e poi il testo.

Vediamo come affrontare le domande e alcuni esempi di risoluzione.

Test di ammissione Comprensione del testo

I quesiti di comprensione del testo possono fare riferimento a vari aspetti della struttura di un testo.

Per poterli risolvere correttamente è indispensabile applicare tutte le conoscenze acquisite sul testo.

In generale, i quesiti di comprensione testuale si soffermano su:

  • Coerenza
  • Non coerenza
  • Deducibilità
  • Non deducibilità
  • Inserimento di una o più parole
  • Ricomposizione delle sequenze
  • Trovare il titolo

Come si può notare, ciascuno di questi aspetti richiede un approccio diverso al testo/brano orientando, di volta in volta, la lettura secondo la richiesta del quesito.

Gli elementi che il candidato deve essere sempre in grado di individuare in un brano sono:

  • specifiche informazioni: si tratta di individuare una o più informazioni specifiche presenti nel testo in maniera esplicita sia in forma letterale che in forma sinonimica; oppure individuare una o più informazioni date sia in forma verbale sia grafica; oppure scegliere fra più informazioni quella pertinente alla domanda specifica.
  • ricostruire il senso globale e il significato di singole parti: bisogna integrare o collegare informazioni presenti nel testo e/o tratte dalle proprie conoscenze personali; cogliere rapporti di causa – effetto tra eventi o fenomeni anche distanti nel testo; comprendere anche informazioni implicite.
  • cogliere l’intenzione comunicativa dell’autore, lo scopo del testo e il genere cui esso appartiene: è necessario identificare l’argomento principale di un testo; cogliere le intenzioni, il punto di vista dell’autore o lo scopo per cui il testo è stato scritto; identificare la tesi sostenuta nel testo e gli argomenti a supporto.

Va aggiunto,in ultimo, che i testi proposti possono essere anche non continui, cioè contenere elementi non verbali come grafici e tabelle che ugualmente richiedono uno sforzo interpretativo rigoroso sotto il profilo logico.

Più domande possono essere anche relative ad uno stesso brano, cioè talvolta si presenta al candidato un testo e si richiede di rispondere a diversi quesiti su di esso.

Vediamo alcuni esempi.

Primo esempio

A che cosa è riferita l’espressione “bilancio negativo” nella frase: “Con l’inizio della lattazione il metabolismo dei lipidi è marcatamente alterato ed il mobilitare le riserve dei grassi del corpo è un importante adattamento evolutivo per soddisfare le richieste di energia quando l’animale è in bilancio negativo.”?

  • A) Adattamento
  • B) Energia
  • C) Riserve di grassi
  • D) Lattazione
  • E) Mobilitare le riserve

La risposta corretta è la B).

Il quesito appartiene alla tipologia “Cercare informazioni nel testo per uno specifico scopo”, che in questo caso è la parola connessa logicamente con l’espressione “bilancio negativo”.

Ognuna delle alternative corrisponde ad una parola presente nel testo,ma l’unica coerente con l’espressione “bilancio negativo” è ENERGIA (rapporto causa – effetto).

Secondo esempio

Analizziamo il seguente quesito di comprensione del testo valutando come cambia la risposta corretta in relazione alla richiesta della domanda.

Un ispettore ministeriale ha visitato una scuola primaria. Secondo l’ispettore, per massimizzare l’efficienza della scuola, gli insegnanti dovrebbero essere consapevoli delle loro capacità di insegnamento e di quelle dei propri colleghi. Nella scuola lavorano 20 insegnanti. Ad ogni docente è stato chiesto di classificare le proprie capacità di insegnamento, paragonandole a quelle dei colleghi, e di elencare quindi in ordine di bravura tutti i docenti della scuola, compresi se stessi, in una classifica discendente con posizioni da 1 a 20. Tutti gli insegnanti della scuola hanno inserito il proprio nome in una delle prime 10 posizioni in classifica.

Quale delle seguenti affermazioni è deducibile dalla lettura del testo?

  • A) Non tutti gli insegnanti sono stati in grado di valutare le proprie capacità di insegnamento in maniera accurata
  • B) Nella scuola lavorano insegnanti le cui abilità sono al di sopra della media nazionale
  • C) Non si è riusciti a stilare una classifica delle capacità di insegnamento dei docenti nella scuola
  • D) Il Ministero sta svolgendo un programma di valutazione dei docenti incentrato sul principio della valutazione interna all’Istituto
  • E) Il Ministero vuole migliorare la qualità dell’insegnamento nelle scuole Italiane attraverso dei processi di valutazione dei docenti

La risposta corretta è la A).

Si deduce che i docenti si sono sopravvalutati.

Ma quale sarebbe stata la risposta corretta se la domanda fosse stata:

Quale delle seguenti affermazioni è la sintesi del brano?

Oppure

Quale delle seguenti affermazioni costituisce la premessa implicita del brano?

Nel primo caso la risposta sarebbe stata la D), mentre nel secondo caso la E).

Da ciò si evince che variando di poco il testo del quesito e/o la richiesta della domanda può cambiare notevolmente il “valore” o il significato della risposta esatta.

Per altri consigli in vista dei test di ammissione di settembre, segui le altre lezioni di A scuola di test

Test di ammissione: risorse di studio

Vuoi approfondire le tecniche di test di cui abbiamo appena parlato? Scopri il mio nuovo libro Superare la prova a test.

Il volume è suddiviso in due parti:

  • prima parte: organizzazione dello studio per una prova a test, metodi di lettura e risoluzione delle domande, gestione tecnica e tattica della prova;
  • seconda parte: applicazione delle tecniche di lettura e di risoluzione dei quesiti con tante domande risolte e commentate.

ACQUISTA

A settembre ti aspetta il test di ammissione?

Per la preparazione teorica e l’esercitazione consulta i volumi del catalogo EdiTEST.

Lascia un commento

Autore

Direttore didattico del settore formazione di EdiSES, è uno dei massimi esperti nella didattica orientata ai test. Ha insegnato in corsi universitari, partecipa a convegni, a progetti di formazione per docenti ed insegna nelle scuole le tecniche di risoluzione dei test. E’ autore di numerosi libri tra cui: "Superare la prova a test" – EdiSES, 2015, 18 euro

Articoli correlati