Test Scienze della Formazione Primaria 2019: informazioni e consigli utili

Se il tuo sogno è diventare un insegnante, quasi sicuramente avrai già scelto il corso di laurea da frequentare dopo il diploma. Stiamo parlando di Scienze della Formazione Primaria, laurea magistrale che mira alla formazione di insegnanti di scuola dell’infanzia e primaria.

Il corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria è regolato dalla normativa sull’accesso programmato nazionale, quindi il Ministero stabilisce annualmente i posti disponibili e la struttura della prova (argomenti, tempo a disposizione, criteri di valutazione), che poi viene predisposta dalle singole Università coinvolte.

Test Scienze della Formazione Primaria 2019: composizione della prova

Il decreto ministeriale che stabilisce la struttura del test di ammissione Scienze della Formazione Primaria viene pubblicato generalmente intorno al mese di marzo.

Salvo particolari variazioni, il test scienze della formazione 2019 sarà costituito da 80 domande così suddivise (4 opzioni di risposta):

  • 40 quesiti di competenza linguistica e ragionamento logico;
  • 20 quesiti di cultura letteraria, storico-sociale e geografica;
  • 20 quesiti di cultura matematico-scientifica.

I criteri di attribuzione del punteggio sono i seguenti:

  • 1 punto per ogni risposta esatta
  • 0 punti per ogni risposta

Il test ha una durata di 150 minuti e l’ingresso in graduatoria è garantito ai candidati che raggiungono il punteggio minimo di 55/80.

In caso di parità di voti, prevale in ordine decrescente il punteggio ottenuto nella soluzione dei quesiti relativi a: competenza linguistica e ragionamento logico, cultura letteraria, storico-sociale e geografica, cultura scientifica; in caso di ulteriori parità, prevale prima la votazione ottenuta all’esame di maturità e poi lo studente più giovane.

Come affrontare il Test Scienze della Formazione Primaria 2019? Qualche consiglio utile

Per superare un test di ammissione non bisogna soltanto conoscere bene le materie d’esame. O meglio, una buona conoscenza di base di tutti gli argomenti oggetto della prova è necessaria ma non è l’unico elemento per affrontare con successo il test.

Esistono tecniche per risolvere i quiz, alcune delle quali sono illustrate nella rubrica A scuola di test, che consentono di rispondere correttamente senza cadere in alcuni tranelli.

Vediamone alcune insieme (tutti i consigli sono presenti nel libro Scienze della Formazione – Teoria e test):

  • eliminare i doppioni: se la risposta corretta è unica, vuol dire necessariamente che se due alternative hanno lo stesso valore o significato, sono entrambe sbagliate;
  • prestare attenzione alle negazioni: il nostro cervello è abituato a ragionare in positivo e non in negativo, quindi ogni volta che ci sono parole come non o eccetto è opportuno evidenziarle per tenerle bene in considerazione;
  • leggere velocemente: in caso di domande con testo molto lungo, è importante leggere molto velocemente. Ci si può allenare a leggere velocemente facendo scorrere un puntatore (penna, matita, dito) sotto le parole con una velocità superiore a quella normale di lettura. In questo modo gli occhi si abitueranno a “seguire” il puntatore.

Come prepararsi al Test Scienze della Formazione Primaria 2019?

I volumi della collana EdiTEST per la preparazione ai test di ammissione contengono un’ampia trattazione teorica degli argomenti oggetto delle prove, consigli preziosi per affrontare le prove e molte simulazioni del test di ammissione.

Ecco i libri per superare il Test Scienze della Formazione Primaria 2019:

Entrambi i volumi consentono l’accesso al simulatore online (ad accesso illimitato) e a una serie di materiali didattici extra.

Vuoi esercitarti gratuitamente? Accedi alla demo del software di simulazione

Lascia un commento

Autore

Laureato in Comunicazione Pubblica e d’Impresa, giornalista pubblicista dal 2015. Amante della scrittura in tutte le sue forme, lettore appassionato nel tempo libero. In EdiSES da Marzo 2018, collaboro alla gestione del blog e dei profili social dedicati alle Ammissioni Universitarie.

Articoli correlati