Il corso di laurea

I corsi di laurea in Lingue e culture moderne hanno lo scopo di formare laureati che possiedano la completa padronanza della lingua italiana, di due lingue straniere (di cui almeno una comunitaria) e una discreta conoscenza di una terza lingua. Oltre a solide competenze linguistiche, i laureati devono aver sviluppato una profonda conoscenza dei contesti sociali, culturali e politici propri delle popolazioni che parlano le lingue studiate. I corsi di laurea si possono differenziare caratterizzandosi, ad esempio, in direzione delle lingue e delle culture europee, ovvero in direzione delle lingue e delle culture di una o più aree extraeuropee, ovvero in funzione della comunicazione interculturale. La preparazione dello studente comprenderà una serie di insegnamenti inerenti la linguistica, la lingua e la letteratura italiana, le metodologie filologiche e didattiche e le discipline storiche e filosofiche. L’orizzonte delle competenze linguistiche, letterarie e storico-culturali dovrà inoltre comprendere riferimenti anche alla dimensione extra-europea e internazionale, allo scopo di caratterizzare in senso interculturale una formazione umanistica rivolta alle più diverse esigenze della realtà sociale contemporanea. Dopo la laurea triennale, gli studenti possono accedere alle lauree magistrali di durata biennale.

 

Letteratura straniera, traduzione, mediazione, turismo: quale ambito fa al caso tuo? Scoprilo con un test 

 

Il piano di studi

ATTIVITA’ DI BASE

 

ambito disciplinare settore CFU
Letteratura italiana e letterature comparate L-FIL-LET/10 Letteratura italiana 9
Linguistica, semiotica e didattica delle lingue L-LIN/02 Didattica delle lingue moderne
L-LIN/01 Glottologia e linguistica
L-FIL-LET/12 Linguistica italiana
21
Discipline storiche, geografiche e socio-antropologiche M-STO/02 Storia moderna 6
Totale Attività di Base: 36

 

ATTIVITA’ CARATTERIZZANTI

 

ambito disciplinare settore CFU
Lingue e traduzioni L-LIN/14 Lingua e traduzione – lingua tedesca
L-LIN/12 Lingua e traduzione – lingua inglese
L-LIN/09 Lingua e traduzione – lingue portoghese e brasiliana
L-LIN/07 Lingua e traduzione – lingua spagnola
L-LIN/04 Lingua e traduzione – lingua francese
54
Letterature straniere L-LIN/13 Letteratura tedesca
L-LIN/10 Letteratura inglese
L-LIN/08 Letterature portoghese e brasiliana
L-LIN/05 Letteratura spagnola
L-LIN/03 Letteratura francese
42
Discipline filologiche L-FIL-LET/15 Filologia germanica
L-FIL-LET/09 Filologia e linguistica romanza
6
Totale Attività Caratterizzanti 102

 

ATTIVITA’ AFFINI

 

ambito disciplinare settore CFU
Attività formative affini o integrative SPS/02 Storia delle dottrine politiche
M-FIL/06 Storia della filosofia
L-FIL-LET/14 Critica letteraria e letterature comparate
L-ART/07 Musicologia e storia della musica
L-ART/06 Cinema, fotografia e televisione
18
Totale Attività Affini 18

 

ALTRE ATTIVITA’

 

CFU
A scelta dello studente 12
Per la prova finale 6
Altre conoscenze utili per l’inserimento nel mondo del lavoro 6
Totale Altre Attività 24

 

TOTALE CREDITI 180

 

Accesso

I corsi di laurea in Lingue e culture moderne non rientrano nella normativa nazionale sull’accesso programmato, tuttavia, nel rispetto del principio dei requisiti minimi, ciascuna Università ha l’obbligo di dichiarare la propria offerta “sostenibile” in base ai criteri di adeguatezza delle strutture e del corpo docente. Ciò significa che ciascuna Università può limitare le immatricolazioni istituendo il numero programmato e una prova di ammissione selettiva.

Sbocchi occupazionali

Le lauree in Lingue e culture moderne aprono moltissimi sbocchi professionali di cui l’insegnamento nelle scuole di ogni ordine e grado costituisce solo una piccola parte. Il giovane laureato potrà svolgere la propria attività professionale:

  • in enti pubblici e privati,
  • nel campo del giornalismo e dell’editoria,
  • nelle istituzioni che organizzano attività culturali,
  • in imprese o attività commerciali che prevedano rapporti con l’estero,
  • nelle rappresentanze diplomatiche,
  • nel turismo,
  • nonché in tutti gli enti pubblici o privati che operano in contesti multietnici e multiculturali.

Tra le attività professionali riconducibili ai laureati in Lingue e culture moderne ricordiamo quella di Esperto in progetti Cooperazione e sviluppo.

Il mercato del lavoro

Secondo il XXI rapporto AlmaLaurea, ad un anno dalla laurea il 22,9% dei laureati in Lingue e culture moderne lavora e non è iscritto ad un corso di laurea di secondo livello.

Inoltre:

  • il 12,1% lavora ed è iscritto ad una laurea di secondo livello;
  • il 47,8% non lavora ed è iscritto ad un corso di laurea di secondo livello;
  • il 6,7% non lavora, non è iscritto ad alcun corso di laurea di secondo livello e non cerca;
  • il 10,4% non lavora, non è iscritto alla specialistica ma cerca lavoro.

Il guadagno medio mensile è di 833 euro.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]