Test Professioni Sanitarie 2019: come funziona la graduatoria?

Da pochi minuti si è concluso il test di ammissione ai corsi di laurea delle Professioni Sanitarie.

Come anticipato dai dati forniti dalla Conferenza Nazionale Corsi laurea Professioni Sanitarie, quest’anno gli iscritti sono stati 74.380 (suddivisi per le 37 università pubbliche). Numero in leggerissimo calo rispetto all’anno scorso, quando erano state accolte 74.909 domande di partecipazione.

I posti disponibili sono in totale 24.033, di cui 15.069 soltanto per il corso di laurea di Infermiere.

Le regioni che hanno registrato un aumento delle richieste sono state Piemonte (+4,9%), Liguria (+14,3%), Toscana (+1,9%), Umbria (+7,4%), Abruzzo (+7%) e Calabria (+21%); in calo Marche (-35%), Campania (-28%), Lazio (-4,3%), Abruzzo (-3,1%) e Sicilia (-2,2%); le altre regioni restano più o meno sugli stessi numeri dell’anno scorso.

I corsi di laurea più richiesti restano, su tutti, Fisioterapia a Infermieristica.

Graduatoria test Professioni Sanitarie 2019

Per il test di Professioni Sanitarie non è prevista una graduatoria unica nazionale (come per Medicina).

Ogni ateneo stilerà, quindi, la propria graduatoria per preferenze o per punteggio.

In caso di graduatoria per preferenze, saranno prese in considerazione prima le scelte degli studenti e poi il punteggio.

Per intenderci, se hai conseguito un punteggio alto ma hai inserito Infermieristica come seconda preferenza, potresti non essere ammesso.

Allo stesso tempo, un candidato che ha inserito Infermieristica come prima scelta ma ha raggiunto un punteggio più basso del tuo, potrebbe essere ammesso.

L’Università stilerà una graduatoria per ogni corso di laurea, secondo l’ordine di preferenze indicate dagli studenti.

In caso di graduatoria per punteggio sarà preso in considerazione prima il punteggio ottenuto al test, poi le preferenze.

Diversamente dalla prima situazione, sarà “premiato” chi raggiunge un punteggio alto.

Se non è già stato indicato all’interno del bando, ti consigliamo di consultare il sito dell’Università per verificare quando saranno pubblicati i risultati dei test (non tutti lo fanno) e le relative graduatorie.

Lascia un commento

Autore

Laureato in Comunicazione Pubblica e d’Impresa, giornalista pubblicista dal 2015. Amante della scrittura in tutte le sue forme, lettore appassionato nel tempo libero. In EdiSES da Marzo 2018, collaboro alla gestione del blog e dei profili social dedicati alle Ammissioni Universitarie.

Articoli correlati